Varie

Estratto di vaniglia

Estratto di vaniglia

L’estratto di vaniglia è una soluzione molto comoda per avere sempre a disposizione la regina delle spezie. Ne basta un cucchiaio e tutti i nostri dolci sprigioneranno un aroma in grado di portarci con la fantasia verso paesi lontani. Scegliendo un flacone particolare o personalizzato, potrebbe essere un’idea carina per un regalo home-made. Certo bisogna programmarlo per tempo perché ci vogliono un minimo di tre mesi prima che l’estratto di vaniglia sia pronto… e da il meglio di sè dopo sei. Per dosarlo basta calcolare un cucchiaio da tavola in sostituzione di una bacca di vaniglia, poi dipende dai gusti personali e dalla qualità e l’aroma dei baccelli di partenza.

 Come spiega Laura Ravaioli, chef del Gambero Rosso e autrice di questa ricetta, i baccelli di vaniglia devono essere di prima qualità, carnosi e dall’aroma molto intenso, ancora morbidi al tatto al punto che se ne prendete uno e provate a piegarlo o ad arrotolarlo attorno a d un dito non si spezza.

Estratto di vaniglia

Estratto di vaniglia

Ingredienti

10 baccelli di vaniglia

60 g di acqua

60 g di zucchero

100 ml di alcool a 95° 

Procedimento

Si inizia preparando uno sciroppo di zucchero. In un pentolino mettete l’acqua con lo zucchero e portate il tutto ad ebollizione, abbassate quindi la fiamma al minimo e lasciate bollire piano piano fino a che lo zucchero sarà completamente sciolto. Lasciate raffreddare benissimo, poi aggiungete l’alcool e mescolate bene.Intanto, uno alla volta, aprite i vostri baccelli per il lato lungo e raschiateli con un coltellino.

estratto di vaniglia collage 1

Poi tagliate i baccelli in più parti e inserite tutto (bacche e semini) nella bottiglietta o nel barattolino che avete scelto. Versatevi dentro anche lo sciroppo, chiudete ermeticamente e agitate bene il tutto. Siccome l’estratto di vaniglia deve restare in un luogo fresco e al riparo dalla luce Laura Ravaioli consiglia di avvolgere la bottiglia con della carta stagnola e metterla a riposare in frigorifero. Per estrarre tutto il profumo dalla vaniglia sarà necessario attendere circa tre mesi durante i quali bisogna agitare l’infusione almeno una volta al giorno. Io ho aspettato 6 mesi prima di utilizzarlo e ne è valsa davvero la pena…

estratto di vaniglia collage 2

Print Friendly, PDF & Email

Tra zucchero e vaniglia @ instagram

La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.

Seguimi!

You Might Also Like

5 Comments

  • Reply
    Cristina
    3 Ottobre 2014 at 22:48

    Complimenti per la ricetta, per quanto tempo potrà essere conservato l estratto

    • Reply
      tra zucchero e vaniglia
      5 Ottobre 2014 at 21:34

      Ciao Cristina e benvenuta! L’estratto non ha problemi di conservazione vista la presenza di alcool. Io ne ho uno in frigo da più di 1 anno ed è perfetto… anzi, col tempo migliora! Io ne faccio largo uso perciò appena finisco una bottiglietta ne ho subito un’altra pronta…

  • Reply
    La maga in cucina
    5 Ottobre 2014 at 21:17

    Dopo i tre mesi non è necessario filtrare il tutto?

    • Reply
      tra zucchero e vaniglia
      5 Ottobre 2014 at 21:38

      Ciao! No, non è necessario, anche perché la vaniglia continua a rilasciare il suo aroma ed il meglio lo da dopo sei mesi. Puoi filtrare se ti danno fastidio i semini, io non lo faccio perché mi piace che si vedano nei miei dolci… a riprova che uso vaniglia vera e non vanillina!

      • Reply
        La maga in cucina
        5 Ottobre 2014 at 23:41

        Ottimo! Grazie 🙂

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.